Milano nei Parchi: Parco delle Cave – 07/03/09

Ancora un sabato mattina animato dalla manifestazione Milano nei Parchiorganizzata dall’Unione Lombarda. Ormai un appuntamento fisso per molti atleti della PPN, ed oggi al Parco delle Cave in zona Baggio si è forse toccato il record con ben 10 atleti presenti!!

lago caveDue notizie sul Parco delle Cave: è per dimensioni il secondo parco di Milano, dopo il Parco Nord Milano, con un’estensione pari a 131 ettari. Situato nella parte ovest della città, compreso nel quartiere di Baggio, è caratterizzato da quattro laghi, boschi, corsi d’acqua, orti urbani, un’area agricola e antiche cascine. Insieme al Boscoincittà e al Parco di Trenno costituisce parte del Parco Agricolo Sud Milano.

A partire dagli anni ’20 l’estrazione di ghiaia e sabbia, in un territorio di vaste aree agricole, provoca la nascita di quattro cave. Alla cessazione delle attività estrattive e di molte attività agricole segue un lento abbandono della zona, con un progressivo aumento della delinquenza e della criminalità . Nel ’97 il Comune affida la gestione del parco al CFU/Italia Nostra (che gestisce anche il Boscoincittà) e verso il 2002 si arriva a una sostanziale sistemazione di gran parte dell’area. Per maggiori informazioni visitare il SITO UFFICIALE del parco.
Oggi come ogni volta che si viene qui a correre è bello vedere famiglie che vengono qui a giocare a pallone o con le barchette radiocomandate, un vero esempio di come la riqualificazione cambi davvero il volto delle città.

Torniamo a noi: un leggero sole accompagnava i concorrenti nei percorsi attorno ai laghetti del Parco, anche se il vento in alcuni punti si faceva davvero sentire.
In mezzo a ragazzini vocianti si cimentavano nel percorso Agonisti (score): Eugenio che chiudeva in 25’21”, Roberto (34’09”) Giorgio (36’12”) Stefano Boveri (47’50”) e Adele (62’50”). Qualche problema per Giorgio (non vede sulla carta i passaggi nella rete per andare alla 10 e alla 11 e allunga di parecchio il giro) e per Adele e Stefano (“dimenticano” per strada qualche lanterna, recuperandola alla fine.
Francesco (25’56”) Nadia (28’03”) e Chiara (31’47”) scelgono il percorso lungo, con sequenza obbligata.
Alla fine spunta pure Mariano, che prima fa da guida ad un gruppo di ragazzini, poi parte per il suo percorso.Era presente pure Anna, che si è limitata a fare la fotografa, per non sforzare troppo sul piede e sul ginocchio malandato. Insomma, una bella sgambata in compagnia in vista degli appuntamenti del giorno seguente (chi a Cavallasca, chi a Senago e chi invece a… casa!!)

Post Correlati

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.