Orienteering: che cos’è?

bussolaLa corsa di orientamento o orienteering, è una disciplina sportiva che ha come obiettivo quello di completare – nel minor tempo possibile – un percorso definito dal passaggio obbligato presso alcuni punti di controllo, con il solo utilizzo di una bussola e di una cartina topografica disegnata appositamente per questo sport.

cartinaLe gare di orienteering si svolgono principalmente in ambiente naturale, infatti l’ orienteering è anche chiamato “lo sport dei boschi”, ma può essere praticato con uguale divertimento anche nei parchi o nei centri storci delle città.

Il percorso da un punto di controllo all’altro è libero, ogni atleta deve scegliere l’itinerario che ritiene più veloce a secondo delle sue capacità tecniche e atletiche aiutandosi con la bussola e con le informazioni riportate sulla cartina.

lanternaLa gara è individuale, con partenze scaglionate, ed inizia con la consegna di un cartellino testimone di gara e della cartina sulla quale sono riportati i punti di controllo da raggiungere nell’ordine indicato. In corrispondenza di ogni punto di controllo il concorrente troverà un prisma triangolare di stoffa bianco e arancione detto LANTERNA e un punzone che gli servirà per registrare il proprio passaggio sul testimone di gara.

Il tempo di gara di ogni concorrente parte al momento della consegna della cartina e viene fermato nel momento in cui il concorrente punzona il punto di controllo finale posizionato all’arrivo: vince chi completa correttamente il percorso con il miglior tempo.

I percorsi sono differenziati tra amatori e agonisti e – per questi ultimi – in funzione dell’età e del sesso con categorie che vanno dai 10 fino ai 90 anni!!

  bambino orienteering    gueorgiou    90 anni

L’ orienteering è quindi uno sport adatto a tutti: all’atleta per raggiungere un risultato agonistico, all’amatore e alle famiglie per divertirsi in compagnia e trascorrere una giornata all’aria aperta.

La caratteristica peculiare di questo sport è che combina in perfetta armonia la prestazione fisica con quella mentale: sono infatti necessarie ottime doti di concentrazione, capacità di interpretazione della carta e del territorio, strategia e abilità di pianificazione per raggiungere il punto di controllo nel modo più veloce possibile rispetto alle proprie capacità fisiche.

Tutto ciò rende l’ orienteering particolarmente adatto anche ad attività di team building.

Inoltre, per la sua interdisciplinarità e per le sue funzioni educative, l’ orienteering è molto richiesto per corsi ed attività in ambito scolastico.

Per ulteriori informazioni si può consultare il sito della Federazione Italiana Sport Orientamento FISO, il sito relativo al Comitato Lombardo CRL, o anche il sito Orienteering in Lombardia per maggiori informazioni su manifestazioni anche promozionali e i percorsi fissi.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.